La filosofia e le sue questioni
 

Persecutore di voci esotiche

pauperino@gmail.com 24 Lug 2017 15:26
"gli italianini, che san la propria ******* come io so di negromanzia... perchè
piaccion più le voci straniere che le paesane... perché costoro, non sapendo
la ******* propria, ricorrono alle straniere, e anche per dare ad intendere (a'
grulli, ve') che essi sono saponi...

basta aprire un libro qualunque, o dare un’occhiata ad un giornale, per
vederlo seminato (lasciando stare lo stile) di voci improprie, di barbarismi, di
voci straniere scusse scusse, piantate lì, neppure italianizzate nella
desinenza, anzi, perché facciano bella mostra, poste anche in carattere
corsivo!

egli e` veramente biasimevole l`uso eccessico che oggidi` si fa de`grecismi,
de`latinismi, delle parole e maniere di ******* straniera quando con la nostra
si puo` significare... mi basta di non insudiciarmi la ******* con parole
straniere... gli sdolcinati che non sanno dire proprio quattro parole, senza che
tre siano straniere e una ibrida... son nomi da far spiritare i cani"

"Ma se nella nostra ******* non c'è...
Si fa presto a dire: «la non c'è», ma tu ne sei certo?
Se ci fosse, l'avrebbero usata e l'userebbero...
Chi? que' che compilano, o meglio imbrattano i cartelloni? O che tu forse vuoi
portare come argomento di difesa della propria, l'altrui ignoranza?"

Lessico Dell'infima E Corrotta Italianità (Costantino Arlia, 1877)
Carlo Pierini 24 Lug 2017 18:28
Il giorno lunedì 24 luglio 2017 15:26:13 UTC+2, paup...@gmail.com ha scritto:
> "gli italianini, che san la propria ******* come io so di negromanzia...
perchè piaccion più le voci straniere che le paesane... perché costoro, non
sapendo la ******* propria, ricorrono alle straniere, e anche per dare ad
intendere (a' grulli, ve') che essi sono saponi...
>
> basta aprire un libro qualunque, o dare un’occhiata ad un giornale, per
vederlo seminato (lasciando stare lo stile) di voci improprie, di barbarismi, di
voci straniere scusse scusse, piantate lì, neppure italianizzate nella
desinenza, anzi, perché facciano bella mostra, poste anche in carattere
corsivo!
>
> egli e` veramente biasimevole l`uso eccessico che oggidi` si fa de`grecismi,
de`latinismi, delle parole e maniere di ******* straniera quando con la nostra
si puo` significare... mi basta di non insudiciarmi la ******* con parole
straniere... gli sdolcinati che non sanno dire proprio quattro parole, senza che
tre siano straniere e una ibrida... son nomi da far spiritare i cani"
>
> "Ma se nella nostra ******* non c'è...
> Si fa presto a dire: «la non c'è», ma tu ne sei certo?
> Se ci fosse, l'avrebbero usata e l'userebbero...
> Chi? que' che compilano, o meglio imbrattano i cartelloni? O che tu forse vuoi
portare come argomento di difesa della propria, l'altrui ignoranza?"
>
> Lessico Dell'infima E Corrotta Italianità (Costantino Arlia, 1877)

CARLO
...Parole sante, ...zia Lucia!
Giusto stamattina, su La7, uno dei tanti intellettuali affettati di turno, non
faceva che snocciolare termini come holding, governance, management, location,
ecc., semplicemente parlando dell'ACEA di Roma (Azienda Comunale Elettricità ed
Acque) e della siccità imperante.
Per non parlare delle pubblicità: sembra di essere in America!
....Ma andate a cagare, voi e la vostra esterofilia del piffero, italiani
*****oni e privi di radici! :-)
ideaprima1@googlemail.com 24 Lug 2017 21:54
Il giorno lunedì 24 luglio 2017 15:26:13 UTC+2, paup...@gmail.com ha scritto:
> "gli italianini, che san la propria ******* come io so di negromanzia...
perchè piaccion più le voci straniere che le paesane... perché costoro, non
sapendo la ******* propria, ricorrono alle straniere, e anche per dare ad
intendere (a' grulli, ve') che essi sono saponi...
>




che significa "che essi sono saponi" ?!





> basta aprire un libro qualunque, o dare un’occhiata ad un giornale, per
vederlo seminato (lasciando stare lo stile) di voci improprie, di barbarismi, di
voci straniere scusse scusse, piantate lì, neppure italianizzate nella
desinenza, anzi, perché facciano bella mostra, poste anche in carattere
corsivo!
>
> egli e` veramente biasimevole l`uso eccessico che oggidi` si fa de`grecismi,
de`latinismi, delle parole e maniere di ******* straniera quando con la nostra
si puo` significare... mi basta di non insudiciarmi la ******* con parole
straniere... gli sdolcinati che non sanno dire proprio quattro parole, senza che
tre siano straniere e una ibrida... son nomi da far spiritare i cani"
>
> "Ma se nella nostra ******* non c'è...
> Si fa presto a dire: «la non c'è», ma tu ne sei certo?
> Se ci fosse, l'avrebbero usata e l'userebbero...
> Chi? que' che compilano, o meglio imbrattano i cartelloni? O che tu forse vuoi
portare come argomento di difesa della propria, l'altrui ignoranza?"
>
> Lessico Dell'infima E Corrotta Italianità (Costantino Arlia, 1877)






mah!

povera Italia
pauperino@gmail.com 25 Lug 2017 06:51
Il giorno lunedì 24 luglio 2017 21:54:35 UTC+2, ideap...@googlemail.com ha
scritto:
>
> che significa "che essi sono saponi" ?!

"uomo che vuol fare il saputo, il sapientone"

https://books.google.it/books?id=7HsDs5Wpsy4C&pg=PA553&dq=%22uomo+che+vuol+fare+il+saputo,+il+sapientone%22&hl=it&sa=X&ved=0ahUKEwi4rNfl0KPVAhVHPhQKHT7GBvQQ6AEIKTAA#v=onepage&q=%22uomo%20che%20vuol%20fare%20il%20saputo%2C%20il%20sapientone%22&f=false
pauperino@gmail.com 25 Lug 2017 11:48
Il giorno lunedì 24 luglio 2017 18:28:16 UTC+2, Carlo Pierini ha scritto:
> CARLO
> ...Parole sante, ...zia Lucia!
> Giusto stamattina, su La7, uno dei tanti intellettuali affettati di turno, non
faceva che snocciolare termini come holding, governance, management, location,
ecc., semplicemente parlando dell'ACEA di Roma (Azienda Comunale Elettricità ed
Acque) e della siccità imperante.

Pensa che nell`ottocento non si poteva fare a meno di questi vocaboli (ne cito
solo alcuni):

a-t-il de chance! - radoteur - chaperon - tout-de-meme - lorgnon - pourri de
chic - faire l`epate - noseur - frisore (it.)

tutti "insostituibili" termini caduti nel dimenticatoio.

Mi consolo con Foscolo: "l'alterna onnipotenza delle umane sorti".

> Ma andate a cagare, voi e la vostra esterofilia del piffero, italiani *****oni
e privi di radici! :-)

"Lo si consideri come un bene o un male, ed io inclino a crederlo male
gravissimo, e` un fatto innegabile che la moderna societa` italiana ha preso
molto piu` ad imitare la societa` francese contemporanea, che non quella degli
antichi padri nostri.

Non sono soltanto gli attrezzi e gli utensili domestici, le foggie
d`abbigliamento, le stoffe che noi importiamo di Francia, ma le passioni, le
costumanze sociali e tutto quanto insomma costituisce il modo di essere degli
Italiani e` ora per piu` di tre quarti francese od infranciosato."

I neologismi buoni e cattivi più frequenti nell'uso odierno: libro compilato
pei giovani italiani, (Giuseppe Rigutini, 1886)
pauperino@gmail.com 25 Lug 2017 12:05
Il giorno martedì 25 luglio 2017 11:48:02 UTC+2, paup...@gmail.com ha scritto:

> I neologismi buoni e cattivi più frequenti nell'uso odierno: libro compilato
pei giovani italiani, (Giuseppe Rigutini, 1886)

"potremo bandire dall`uso le parole francesi soltanto allora quando vivremo,
penseremo de agiremo all`italiana, cosa che mi pare pur troppo altrettanto
lontana, quanto la pace universale e l`abolizione del codice penale. L.C."

ibidem
Carlo Pierini 25 Lug 2017 12:37
Il giorno martedì 25 luglio 2017 11:48:02 UTC+2, paup...@gmail.com ha scritto:
> Il giorno lunedì 24 luglio 2017 18:28:16 UTC+2, Carlo Pierini ha scritto:
>> CARLO
>> ...Parole sante, ...zia Lucia!
>> Giusto stamattina, su La7, uno dei tanti intellettuali affettati di turno,
non faceva che snocciolare termini come holding, governance, management,
location, ecc., semplicemente parlando dell'ACEA di Roma (Azienda Comunale
Elettricità ed Acque) e della siccità imperante.
>
> Pensa che nell`ottocento non si poteva fare a meno di questi vocaboli (ne cito
solo alcuni):
>
> a-t-il de chance! - radoteur - chaperon - tout-de-meme - lorgnon - pourri de
chic - faire l`epate - noseur - frisore (it.)
>
> tutti "insostituibili" termini caduti nel dimenticatoio.
>
> Mi consolo con Foscolo: "l'alterna onnipotenza delle umane sorti".
>
>> Ma andate a cagare, voi e la vostra esterofilia del piffero, italiani
*****oni e privi di radici! :-)
>
> "Lo si consideri come un bene o un male, ed io inclino a crederlo male
gravissimo, e` un fatto innegabile che la moderna societa` italiana ha preso
molto piu` ad imitare la societa` francese contemporanea, che non quella degli
antichi padri nostri.
>
> Non sono soltanto gli attrezzi e gli utensili domestici, le foggie
d`abbigliamento, le stoffe che noi importiamo di Francia, ma le passioni, le
costumanze sociali e tutto quanto insomma costituisce il modo di essere degli
Italiani e` ora per piu` di tre quarti francese od infranciosato."
>
> I neologismi buoni e cattivi più frequenti nell'uso odierno: libro compilato
pei giovani italiani, (Giuseppe Rigutini, 1886)

CARLO
Il francesismo di fine '800 è in parte giustificabile: le truppe di Bonaparte,
bene o male, ci avevano portato - quasi un secolo prima - una ventata di idee
rivoluzionarie, repubblicane, anti-tiranniche; e più tardi Napoleone III
rappresentò una mano santa per la nostra liberazione dagli austriaci e per il
consolidamento dei nostri ideali risorgimentali.
...Ma oggi, cosa ******* abbiamo da scimmiottare quei grezzoni dei cowboy
Americani o quei "*****isuisti" degli inglesi? Cos'hanno da insegnarci, oltre al
cinema hollywoodiano e alla musica rock? Va bene che ci hanno liberato dal
fascismo e dal nazismo, ma la maggior parte dei giovani che si riempiono la
bocca di anglicismi nemmeno lo sanno. Si tratta solo di becero snobismo,
superficialità, esibizionismo, affettazione e mancanza di identità.
...Insomma, aborrrrrrrro questo malcostume anglofilo, proprio come gli autori da
te citati! Quando sento "breafing", "location", "brunch" "happy hour" e altre
forme di tradimento della nostra stupenda ******* mi si rizzano i capelli! :-)

https://youtu.be/m3fhfwzgTw4

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

La filosofia e le sue questioni | Tutti i gruppi | it.cultura.filosofia | Notizie e discussioni filosofia | Filosofia Mobile | Servizio di consultazione news.